Il 34° Rally della Valdinievole ha 92 iscritti

Un numero importante: 92. E’ quello che ha espresso l’elenco iscritti del 34° Rally della Valdinievole, in programma questo fine settimana a Larciano, organizzato da Laserprom 015, terza prova del Campionato Toscano ACI Sport.

Un successo di adesioni, quindi, che hanno superato di ben 15 unità quelle della passata edizione, frutto del grande lavoro dietro le quinte dell’organizzazione, un team di persone mosse da grande passione e visioni a lungo raggio, quelle che poi all’atto pratico hanno portato alla soddisfazione di proporre anche quest’anno un evento di alto profilo.

UN GRANDE ELENCO ISCRITTI

Alto profilo che si nota anche scorrendo l’elenco iscritti, che oltre alla quantità propone qualità di piloti e vetture. Il primo dato che balza all’occhio è la presenza di ben 9 vetture di categoria R5 (1600 cc. turbo a trazione integrale) ma immediatamente dopo si apre la discussione su chi potrà mettere la propria firma sull’albo d’oro di questa prestigiosa manifestazione e su chi potrà farla da protagonista di prima scena nei due giorni di gara.

“Indiziato” per il successo sarà Tobia Cavallini, che partirà col numero uno sulle fiancate, affiancato da Giuliano Manfredi, già copilota anche di Robert Kubica. Il pilota di Cerreto Guidi sarà al debutto con una Skoda Fabia R5, stessa vettura che avrà l’attesissimo Luca Artino, che con al fianco Andrea Gabelloni  tenta il bis di successi ed anche il riscatto da un avvio tricolore sofferto. Artino, che partecipa quest’anno al Campionato Italiano non ha voluto mancare alla gara di casa “disertando” la concomitante “Targa Florio”. Anche una bella storia, quella che si apre parlando di Cavallini ed Artino: hanno un legame particolare nato oltre venti fa, quando Cavallini debuttò come navigatore al fianco di Giuseppe Artino, il papà di Luca. Sarà una gran bella sfida, quella per la vittoria, un argomento che comunque sono in diversi a volerne accarezzare il sogno, come ad esempio Fabio Pinelli, secondo lo scorso anni dietro il Re del “Valdinievole”, Gabriele Tognozzi (quest’anno assente), che pensa in grande al volante della Ford Fiesta Evo 2 R5, sulla quale sarà affiancato da Antonio Bugelli. Da seguire la prestazione degli elbani Francesco Bettini e Luca Acri, anche loro al via con una Ford Fiesta R5, in gara test prima dell’imminente Rallye Elba tricolore di fine mese. Atteso, sulla Hyundai i20 R5, anche l’evergreen pratese Brunero Guarducci, assecondato da Alessio Migliorati, mentre si avrà il debutto nella classe R5 per il pistoiese Marco Casipoli, pure lui su una Ford Fiesta Evo R5. Sotto l’aspetto tecnico, oltre che sportivo, saranno da seguire  Davide e Andrea Giordano, con la loro Mitsubishi Space Star R5, unico esemplare marciante in Italia. Marca poi presenza il fiorentino Marco Cavalieri, coadiuvato da Massimo Bazzani (Skoda Fabia R5) ed il gentleman Pierluigi Della Maggiora affiancato da Titti Ghilardi, avrà anche lui la Skoda Fabia R5.

Debutto da grandi firme, poi, per Luca Pierotti e Manuela Milli, sulla Peugeot 207 S2000. L’avvocato lucchese, dopo aver ottenuto prestazioni di alto livello con la piccola 208 R2, ha deciso il grande salto con una vettura di vertice con la quale si pone pure lui tra i grandi protagonisti. In categoria R3C il favorito è Simone Lenzi, navigato ovviamente da Toni Cerone, sempre al volante della sua Renault Clio, mentre il fratello, Andrea, sarà invece con la Mitsubishi Lancer Evolution gruppo N ponendosi, con la copilota la lucchese Daiana Ramacciotti, tra colori che puntano nell’attico della classifica.

Si prevede frizzante anche la classe R2, ben tredici equipaggi al via. Tra i papabili alla vittoria c’é sicuramente il fiorentino Lorenzo Ancillotti (Peugeot 208), coadiuvato dall’esperto Sandro Sanesi, ma attenzione a Lorenzo Nesti e Federico Grilli (Peugeot 208), ed anche a Thomas Paperini (Peugeot 208), con Simone Fruini alle note, tutti capaci di grandi prestazioni.

Luca Fagni con la Peugeot 306 Maxi e Massimo Mariani sulla Opel Astra GSI avranno di che divertirsi con le loro vetture versione “kit” e nella classe Super 1600, é atteso ad una prova incisiva Alessio Della Maggiora, con la Clio, mentre lo spezzino Giuseppe Iacomini ci riprova con una Peugeot 206. grande attesa anche per Giovanni Mori e Massimo Cesaretti, con la loro BMW M3, sempre spettacolari.

In sei si presentano con le “vecchie” ma efficaci Renault Clio Williams, tra cui tre equipaggi femminili, il cui “faro” sarà Luciana Bandini. Punta al titolo ”rosa”, l’esperta lucchese, ma sulla sua strada troverà la pratese Susanna Mazzetti, che torna sulla vettura francese dopo diversi anni, e ci sarà poi il debutto di Maila Cammilli.

LA DIRETTA TV E INTERNET DELLE PS 1 E 3 DI LARCIANO

Grande lavoro organizzativo, da parte di Laserprom 015 che nel suo voler dare immagine alla gara e comunicare il territorio ha previsto anche una doppia diretta televisiva e web delle prime fasi di gara. Infatti, entrambi i passaggi della prova speciale di Larciano verranno diffusi con le seguenti modalità:

Prova Speciale 1

Trasmessa su internet da sportcultura.tv
Inizio collegamento ore 16:15
Link: https://www.sportcultura.tv/live consigliato da divulgare  

Prova Speciale 3

Trasmessa in tv su sportvl 193 dgt e su internet da sportcultura.tv
Inizio collegamento ore 19:00
https://www.sportcultura.tv/live

Tutte le immagini saranno poi diffuse anche con il maxi schermo montato nella zona di partenza/arrivo a Larciano, in Piazza Vittorio Veneto.

NOVITA’ SULLA LOGISTICA E SUL PERCORSO

Verranno proposte alcune novità sul percorso e sulla logistica, che renderanno l’evento, ancora più interessante e di sicuro avvincente una volta accesi i motori e dato il via alle sfide. Sono otto, le Prove Speciali in programma (quattro diverse da correre due volte) per una distanza competitiva di 78,740 chilometri a fronte del totale che ne misura 286,00. Sarà un percorso, steso in due giorni di gara, ispirato alla tradizione al quale é stata messa mano per renderlo ancora più interessante.

La prova speciale di Lamporecchio sarà allungata nel tratto finale, andando a percorrere in discesa un tratto della collina di San Baronto, con arrivo in prossimità della località di Spicchio. Il tratto si presenta guidato con carreggiata ampia.

Novità anche per un’altra prova, la “Lanciole”, riproposta in una versione utilizzata qualche anno fa, con arrivo sempre a Macchia Antonini.

Anche la logistica generale ha modificato qualche suo carattere: é previsto un riordinamento a Monsummano Terme, nella centrale Piazza Giusti mentre é confermato il quartier generale dell’evento al Ready Center di Larciano (Via Marconi), dove saranno ospitate Direzione Gara, segreteria e sala stampa.

PROGRAMMA DI GARA

Come oramai accade da alcune edizioni, i giorni di gara saranno due, con la partenza prevista da Larciano (Piazza Vittorio Veneto) alle ore 16,00 di sabato 5 maggio. I concorrenti si sfideranno subito in un’ampia porzione di gara, quattro prove speciali (due da ripetere), particolarmente rivolta allo spettacolo, in quanto saranno i tratti di “Larciano” (Km. 6,730) e “Lamporecchio” (Km. 11,950, la più lunga della gara) a dare certamente una prima fisionomia importante alla classifica.

Dal versante del Montalbano, la gara, domenica 6 maggio andrà a spostarsi verso la montagna che sovrasta la Valdinievole, con i tratti classici di “Buggiano” (Km. 8,950) e “Lanciole” (Km. 11,740) da ripetere anche essi per due volte, prima dell’arrivo finale, sempre in centro a Larciano, dalle ore 16,06.

Tre i service area previsti, tutti a Larciano, altrettanti i riordinamenti, a Lamporecchio dopo le prime due prove speciali del sabato e quello notturno di metà gara ed a Monsummano Terme, dopo le prime due prove della domenica.

Archivi